Zuppa di fagioli neri

Buon Natale (in ritardo)!

Prima della ricetta oggi vi parlo della mia ultima lettura “Disturbo della quiete pubblica” di Richard Yates. O meglio, prendendo spunto da quest’ultimo libro, vi parlo in generale di questo autore (di cui ho letto anche “Revolutionary Road” ed “Easter Parade”). I suoi romanzi sono perlopiù ambientati nell’America degli anni 60′, in pieno boom economico, in cui imperavano ottimismo e buonismo. Su questo sfondo si collocano dei personaggi che per incapacità personali, scarsa istruzione, limiti familiari, non riescono a realizzare i loro sogni e le loro aspirazioni ed un po’ alla volta vengono vinti dalla disperazione. I protagonisti delle sue storie sono dei “perdenti” e noi assistiamo impotenti alla loro autodistruzione. Tutti i suoi romanzi suscitano emozioni forti e leggendoli non si riesce a sfuggire alla sensazione di poter essere vittime del destino dei loro protagonisti che rispecchiano il lato più triste e oscuro di ognuno di noi.
Bene, dopo questa dose di “allegria” passiamo a questa saporita ricetta dal gusto aromatico (sia per le spezie usate sia per il tipo di fagioli).
Ingredienti per 2 persone
300 g di fagioli neri
200 g di pancetta affumicata
½ cipolla
100 ml di passata di pomodoro
400 ml di brodo vegetale
1 cucchiaino di peperoncino tritatao
1 cucchiaino di cumino
1 cucchiaino di coriandolo
olio evo
sale
Mettete a bagno i fagioli neri almeno 12 ore prima.
Affettate la cipolla e tagliate a listarelle la pancetta.
Fate rosolare la cipolla in un cucchiaio di olio, a cui aggiungerete dopo un minuto il peperoncino, il cumino e il coriandolo. Fateli insaporire insieme per un paio di minuti.
Aggiungete poi la pancetta e fatela rosolare.
Una volta che la pancetta avrà preso colore unite i fagioli e fateli insaporire per un minuto
poi versate la passata di pomodoro (mescolate bene)
 ed infine ricoprite tutto con il brodo. Fate cuocere a fuoco lento per almeno due ore (questi fagioli sono particolarmente duri e ci mettono una vita a cuocere). Se si asciugano troppo aggiungete un po’ di brodo (se lo avete finito va bene anche l’acqua calda).

 

1 Reply to "Zuppa di fagioli neri"

  • comment-avatar
    Patapata 4 gennaio 2012 (12:50 pm)

    adoro questo tipo di tradizioni familiari! e superba la zuppa, amo i fagioli neri!! buon proseguimento con i festeggiamenti!!! ciaoo!

Leave a reply

Your email address will not be published.