Ravioli di pesto con rana pescatrice e gamberi con salsa alle noci

Ormai lo sapete, la pasta fresca è proprio una mia fissazione!
Ed il raviolo è l’apoteosi della mia passione culinaria. Scegliere il ripieno, abbinare il condimento, preparare con mie tue manine la pasta, sono tutte operazioni che mi rendono davvero felice e soddisfatta!

Ingredienti per 4 personePer la sfoglia al pesto

400 g di farina 00
2 uova
60 g di foglie di basilico
1 manciata di pinoli

 

Preparate il pesto frullando con il miniprimer il basilico ed i pinoli mentre versate l’olio a filo (cercate di frullare il prezzemolo solo grossolanamente).
Su una spianatoia impastate la farina con le uova ed il pesto (se l’impasto risultasse troppo asciutto aggiungete poca acqua tiepida).

 

Lavorate energicamente l’impasto per dieci minuti, poi avvolgetelo nella pellicola trasparente e lasciatelo riposare per mezz’ora.

 

 

 

Per il brodino di pesce
50 g di burro
2 carote
1 cipolla
le teste dei gamberi usati per il ripieno
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro

 

 

Mentre l’impasto riposa mettete su il brodino di pesce.Pulite i gamberi (seguendo le indicazioni che trovate QUI).

 

 

Usate le teste di gambero per il brodo. Affettate le carote e la cipolla e fatele appassire nel burro a fuoco dolcissimo per 10 minuti.

Aggiungete le teste di gambero e fate insaporire per bene.
Coprite tutto con acqua a temperatura ambiente. Aggiungete il concentrato di pomodoro e lasciate cuocere per 50 minuti schiumando di tanto in tanto.

Per il ripieno
120 g di rana pescatrice
120 di gamberi
1 patata bollita

 

Preparate il ripieno. Frullate la rana pescatrice.

Aggiungete le patate

ed infine i gamberetti tagliati a pezzetti ed amalgamate bene il tutto.

 

 

Tagliate un pezzo di impasto e stendetelo (con il mattarello o con l’Imperia) in sfoglie non troppo sottili.

 

Adagiate un pò di ripieno su di una sfoglia e poi copritelo con un’altra.

 

 

Tagliate il raviolo usando una rondella oppure apposite formine come ho fatto io.

 

Continuate così fino ad esaurimento di impasto e ripieno.

 

Per la salsa alle noci
1 porro
150 g di noci sgusciate
1 cucchiaino di fecola di patate
olio evo
sale
pepe

Affettate il porro, tritate grossolanamente le noci e fatele soffriggere per 5 minuti in tre cucchiai di olio.

Aggiungete il brodo preparato filtrandolo con un colino.

 

Lasciate cuocere 15 minuti ed aggiungete un cucchiaino di fecola di patate per far addensare un pò il sughetto.

 

Cuocete i ravioli in abbondante acqua bollente, scolateli con un mesto forato e fateli saltare con il sugo preparato.

P.S. Oggi vi presento le piccole amiche che vivono sotto casa nostra!

 

 

11 Replies to "Ravioli di pesto con rana pescatrice e gamberi con salsa alle noci"

  • comment-avatar
    Sabrina Boschetti 3 maggio 2012 (3:27 pm)

    Dani sono stupendi questi ravioli,veramente! mi hai messo una fame!!! Quando verrò a trovarti mi farai da mangiare?! *_*

  • comment-avatar
    Le ricette degli amici 3 maggio 2012 (4:05 pm)

    Davvero invitanti!!!! Buonissimi!! Che fameee!!!!
    Complimenti!

  • comment-avatar
    Chiara Setti 3 maggio 2012 (5:03 pm)

    Wow! ma questi hanno un aspetto delizioso!!

  • comment-avatar
    Tiziana 3 maggio 2012 (5:10 pm)

    anche io adoro la pasta ripiena.. questa tua versione è magnifica!!! che bontà

  • comment-avatar
    gerbillo goloso 3 maggio 2012 (7:50 pm)

    Complimenti a Pino per le rose, alle vicine di giardino un pò lente ma soprattutto al tuo piatto ricco e prelibato. Mi hai fatto venire voglia di ripreparare la tavola. Buona serata

  • comment-avatar
    Assunta 3 maggio 2012 (7:59 pm)

    Questo piatto è strepitoso!!!!
    Rubo rubo!! 😀
    Bacioni

  • comment-avatar
    patatenovelle 4 maggio 2012 (7:08 am)

    chefameeee!

  • comment-avatar
    sississima 4 maggio 2012 (4:31 pm)

    questi ravioli di pesce sono SUPER buoni, belle le rose! Un abbraccio SILVIA

  • comment-avatar
    gwendy 5 maggio 2012 (3:07 pm)

    Ma che brava!!!!
    Certo che è impegnativo ma penso che ne valga la pena!

  • comment-avatar
    una pinguina in cucina 6 maggio 2012 (4:18 pm)

    Che ricetta meravigliosa, e poi che spiegazione perfetta! Complimenti!!
    Ps: che belline le tartarughe!

  • comment-avatar
    CettyG 7 maggio 2012 (3:53 pm)

    mammamia….mi fai venire l'acquolina in bocca!!! super complimenti, peccato che da tre anni mi sono trasferita in Sicila, da Roma, altrimenti sarei venuta a pranzo da te spesso!!!!

Leave a reply

Your email address will not be published.