Caserecce con ragù bianco ai funghi e fonduta di ricotta forte

Avevo da un pò di tempo un pacco di pasta “colorata” ma ero intenzionata ad usarlo per sperimentare qualcosa di nuovo.
Come vi accennavo quest’estate mi sono venute in mente un sacco di idee nuove e così è stato semplice trovare quella adatta. Ecco qui le caserecce con ragù bianco ai funghi e fonduta di ricotta forte.

La Ricetta

ragù bianco ai funghi

Ingredienti per 4 persone

400 g di pasta
1 cipolla
1 carota
150 g di funghi champignon
80 g di polpa di manzo macinata
80 g di polpa di maiale macinata
1/2 bicchiere di vino bianco
brodo di carne
1 cucchiaio di ricotta forte
100 ml di panna fresca
olio evo
sale
pepe

Procedimento

Fate soffriggere la cipolla e la carota tritate finemente in due cucchiai di olio.
Aggiungete i funghi affettati e fate cuocere 5 minuti a fuoco vivace.
Infine unite la carne e fatela rosolare per bene.
Sfumate con il vino, salate e pepate. Lascaite cuocere a fucoco dolcissimo per almeno un ora, aggiungendo un mestolo di brodo di carne (per la ricetta vedi qui)quando il composto si asciuga troppo.
In un pentolino preparate la fonduta facendo sciogliere, a fuoco dolce, la ricotta forte nella panna.
Cuocete la pasta e fatela saltare con il ragù. Completate i piatti cospargendoli con la fonduta.

Libri

Ci sono un sacco di libri che ho letto di recente e di cui voglio parlarvi. Dò la precedenza al “Signore delle anime” di Irene Nemirovsky.
Come avrete notato ho deciso di leggere tutti i romanzi della Nemirovsky (ne ho parlato qui e qui). Perchè ne vale davvero la pena!
Il signore delle anime è un pò al di sotto degli altri letti fino ad ora, ma parliamo comunque di un “romanzone”. Come sempre l’autrice porta alla luce i tormenti dell’animo umano, in questo caso del Dott. Dario Asfar che dal Mar Nero, a costo di enormi sacrifici, raggiunge la Francia e diviene medico. Ma i suoi sogni non sembrano realizzarsi perchè i francesi non accettano questo “straniero” questa figura che con i suoi occhi famelici non riesce ad integrarsi in una società a cui ambisce disperatamente ma che lo respinge.
Il vento cambia e lui, con l’ardimento e la disperazione di chi ha conosciuto la fame vera, si ricicla come “medico delle anime” cavalcando la fortuna che in quegli anni cominciava a riscuotere la psicoanalisi.
Ma il vuoto che si porta dentro è incolmabile, nessun traguardo raggiunto sarà mai in grado di appagarlo.

29 Replies to "Caserecce con ragù bianco ai funghi e fonduta di ricotta forte"

  • comment-avatar
    ele 13 settembre 2012 (1:27 pm)

    un ottimo primo! brava!

  • comment-avatar
    m4ry 13 settembre 2012 (1:37 pm)

    Che bel piattino ! E questo libro ? Non è per niente male…
    Bacio grande !

  • comment-avatar
    Ely 13 settembre 2012 (1:49 pm)

    Accolgo il tuo suggerimento letterario, come sempre molto gradito! 🙂 E devo dire che hai usato il tuo pacco di pasta colorato in modo davvero ottimo! Un sugo molto fine e delicato! 🙂 Ottimo! Bacione 🙂

  • comment-avatar
    Sara Drilli 13 settembre 2012 (1:54 pm)

    Preferisco il bianco al ragù rosso!!!! Tutto il resto è colorato come piace a meeeeeeeeeeeee! 😀

  • comment-avatar
    monica pennacchietti 13 settembre 2012 (2:11 pm)

    Mi piace!Elimino la ricotta forte perchè mi scatena una tremenda reazione allergica e prendo tutto il resto della ricetta!grazie!!
    un abbraccio
    monica

  • comment-avatar
    sulemaniche 13 settembre 2012 (2:36 pm)

    non conosco questa autrice, grazie della dritta!!!! e poi bella ricetta, piace di conoscerti

  • comment-avatar
    giovanna 13 settembre 2012 (2:48 pm)

    Un prima fantastico. Grazie per la segnalazione del libro,ne terrò conto. Un abbraccio.

  • comment-avatar
    Tantocaruccia 13 settembre 2012 (3:35 pm)

    Ehi Dani:) mai sperimentato un ragù bianco! Hai fatto un piattino proprio niente male, complimenti davvero! E brava anche per il consiglio del libro, anche se non ho una passione sfrenata per il romanzo in sè, ma chissà forse un giorno..
    Baci:**

  • comment-avatar
    Tina/Dulcis in fundo 13 settembre 2012 (3:51 pm)

    un piatto da 110 e lode,mi incuriosisce un sacco anche il libro…baci,buona serata ^_^

  • comment-avatar
    Sabrina Boschetti 13 settembre 2012 (3:58 pm)

    passo a darti un bacino e a dirti che a me i tuoi piatti piacciono sempre tanto *_*

  • comment-avatar
    Kappa in cucina 13 settembre 2012 (4:10 pm)

    Deliziosa e ottimo mod per utilizzare questa pasta super colorata!!!gnammy gnammy!!che fameeee!!buona serata

  • comment-avatar
    Giovanna 13 settembre 2012 (4:30 pm)

    complimenti un blog carinissimo ti seguiro' volentieri buona serata

  • comment-avatar
    serena 13 settembre 2012 (5:09 pm)

    Ciao dani,
    complimenti per questo piatto! direi che la sperimentazione è più che riuscita!!

  • comment-avatar
    Dolcemeringa Ombretta 13 settembre 2012 (5:16 pm)

    Ciao tesoro , stasera ho come cena un insalatina perché non avevo tempo di preparare niente e in più sono a casa da sola per tirarmi su ci vorrebbe la tua pasta!!!!la cosa che mi fa sbavare e' la fonduta!!!
    E per il libro grazie io leggo molto e i suggerimenti fanno sempre comodo:)
    Un bacione

  • comment-avatar
    Ennio 13 settembre 2012 (6:00 pm)

    Primo bello rustico! Squisito! 😀

    Ciao da Ennio.

  • comment-avatar
    Taty 13 settembre 2012 (9:07 pm)

    Hai ricevuto il premio virtuale Semplicity, se ti và di ritirarlo passa dal mio blog!!!!

    un abbraccio
    Taty

  • comment-avatar
    mimi 14 settembre 2012 (6:01 am)

    Che goduria questa ricetta!!! Perchè non sono la tua vicina di casa?????
    Io adoro la letteratura ma questo autore proprio non lo conoscevo..grazie per avermelo fatto scoprire, lo leggerò sicuramente!

  • comment-avatar
    paneamoreceliachia 14 settembre 2012 (6:56 am)

    Ciao, grazie per essere passata da noi.
    Che bella ricetta! E quanti gatti da queste parti, sarà contento di vederli il mio piccolino che quando sono al computer vegeta sulla scrivania. Prima il suo posto preferito era accoccolato sul monitor, ma da quando abbiamo preso il monitor piatto, non sa più dove mettersi!!!
    Non sono riuscita ad inserirmi tra i lettori fissi, mi dava errore, ma ci riprovo dopo. ciao. alice

  • comment-avatar
    Babe - La Cucina di Babe 14 settembre 2012 (7:01 am)

    Abbiamo due punti in comune…la passione e l'amore per cucina e gatti! Anzi 3..aggiungo anche l'amore per la persona che abbiamo vicino ^.^
    Questa ricetta mi piace molto, la rifarò appena possibile!!!!

  • comment-avatar
    Pasticciando con Rosy 14 settembre 2012 (7:07 am)

    che bella ricettina :)ricca e molto saporita 😉
    baci

  • comment-avatar
    Valentina 14 settembre 2012 (7:21 am)

    Ciao Dani 🙂 Questa ricetta è speciale, deve essere squisita e da provare! Bravissima 🙂 E grazie sempre per i tuoi consigli letterari, io annoto tutto! 🙂 Un bacione e buona giornata!

  • comment-avatar
    Mila 14 settembre 2012 (8:56 am)

    Ma allora siamo davvero alle porte dell'autunno vedo in giro ricette con zucca e qui i funghi…
    Complimenti…

  • comment-avatar
    Taty 14 settembre 2012 (11:15 am)

    Hai ricevuto il premio virtuale Semplicity, se ti và di ritirarlo passa dal mio blog!!!!

    Un bacio, a presto
    Taty

  • comment-avatar
    la bottega dei sensi 14 settembre 2012 (11:44 am)

    un bel piatto autunnale…qui da noi i funghi sono iniziati a spuntare alla grande…proprio come funghi!

  • comment-avatar
    sississima 14 settembre 2012 (2:45 pm)

    questa pasta mi attira proprio e poi la ricotta forte non l'ho mai mangiata, un abbraccio SILVIA

  • comment-avatar
    Caterina 14 settembre 2012 (2:59 pm)

    Dev'essere ottimo 🙂 mmm bravissima!!

  • comment-avatar
    Radici di zenzero 14 settembre 2012 (11:51 pm)

    Questo piatto è buonissimo…la fonduta deve essere una vera e propria delizia!
    Grazie per questa bella ricetta!
    Un bacio
    Paola

  • comment-avatar
    quidonna 15 settembre 2012 (8:00 am)

    buono questo piatto!!!

  • comment-avatar
    Leonardo Ciampa 5 dicembre 2012 (4:02 pm)

    Ma, Dani, ci sono delle ricette che fanno venire l'acqualina in bocca. Ma QUESTA ricetta mi dà la fame da lupi!

Leave a reply

Your email address will not be published.