Lasagne bianche con mortadella patate e porri

Come ogni anno arrivo puntuale con le mie lasagne fatte in casa per Carnevale (le mie altre ricette le trovate QUI)!

Chi mi segue ormai lo sa: la tradizione in Campania vuole che il martedì grasso vengano preparate le lasagne al forno ed io non mi sono mai tirata indietro!

Le lasagne napoletane (con il ragù, l’uovo sodo, il salame) sono ben diverse da quelle emiliane, ma da questo punto di vista non c’è rigidità! Le lasagne possono essere preparate in tutti i modi, l’importante è la loro presenza a tavola.

Lasagne invernali

Le lasagne son un piatto estremamente versatile, si prestano a mille declinazioni e sono perfette sia in inverno (scegliendo i giusti ingredienti che gli diano sostanza) sia in estate (scegliendo ingredienti più leggeri e sfruttando la cottura in forno che non costringe ad una ardua permanenza ai fornelli quando le temperature sono alte).

Per non essere da meno rispetto alla tradizione napoletana ho optato per ingredienti che rendano questa mia ricetta invernale, insaporendola con mortadella, mascarpone e porri! Però ho scelto di preparare delle lasagne in bianco lasciando per una volta in panchina il pomodoro.

Lasagne quanti strati

Mi è state spesso posta questa domanda: ma quanti sono gli strati giusti per una lasagna?

Non c’è una regola precisa! Gli strati possono andare da due a tre. Credo che nella vostra scelta dobbiate valutare lo spessore della sfoglia. Con una sfoglia piuttosto spessa due strati saranno sufficienti, pena la prevalenza del sapore della pasta su quello del ripieno.

Al contrario nella lasagna bisogna cercare una perfetto equilibrio tra pasta e ripieno. Pertanto nel caso di una sfoglia molto sottile è sicuramente preferibile fare tre strati!

Lasagne quando prepararle

Un altro immenso vantaggio di un piatto come le lasagne è la possibilità di prepararle in anticipo! Tutti sapete che una volta assemblate si possono conservare in frigo per un paio di giorni.

E forse non tutti sanno che si possono anche congelare. Una volta pronta, ma prima della cottura in forno, potrete tranquillamente congelarla e tirarla fuori quando ne avrete bisogno provvedendo in qual caso solo alla cottura.

Vi lascio quindi la ricetta delle mie Lasagne bianche con mortadella mascarpone e porri.

LA RICETTA

lasagne besciamella

Ingredienti per 4 persone

  • 160 g di sfoglie all’uovo già stese
  • 500 g di patate
  • 150 g di mortadella
  • 100 g di mascarpone
  • 100 g di parmigiano reggiano grattugiato
  • 1 uovo
  • 1 porro
  • 40 g di burro
  • olio evo
  • sale
  • pepe

Procedimento

 

1. Mettete in una pentolino il mascarpone e la mortadella tritata (conservatene una parte da aggiungere intera all’impasto) e fate insaporire insieme a fiamma dolce per tre minuti circa. Frullate tutto insieme con un miniprimer.

lasagne in bianco

5. Affettate i porri a rondelle e cuoceteli a fiamma dolcissima con un cucchiaio di olio per 20 minuti circa. Se il fondo dovesse asciugarsi troppo aggiungete un poco di acqua. Salate.

lasagna

6. Bollite le patate e poi frullatele con il miniprimer (non basterà schiacciarle perchè alla fine bisognerà ottenere una consistenza vellutata).

7. Aggiungete il composto mascarpone e mortadella.

8. Unite infine i porri (conservandone un po’ per l’ultimo strato), l’uovo, il parmigiano e la mortadella residua.

lasagne in bianco

9. Sbollentate le sfoglia di pasta.

10. Imburrate una pirofila ed adagiate una sfoglia sul fondo.

11. Cospargete la sfoglia con il ripieno preparato.

12. Coprite tutto con un altra sfoglia e ripetete l’operazione.

13. Cospargete la sommità della vostra lasagna con il burro che avrete preventivamente fuso, poi con i porri e il parmigiano.

lasagne

14. Cuocete in forno a 200° per 25 minuti.

lasagne

lasagne

Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche. 

Copyright 2011-2017© Daniela Vietri – All Rights Reserved

No Replies to "Lasagne bianche con mortadella patate e porri"

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato