| 

Formaggio Piave DOP

Oggi vi porto con me a scoprire il formaggio Piave DOP .

I prodotti d’eccellenza della nostra bella Italia vanno riscoperti e tutelati. In un mondo che corre a braccia aperte verso una globalizzazione che ci vorrebbe tutti omologati credo sia nostro preciso dovere fare scelte consapevoli premiando i nostri produttori e la nostra unicità.

piave dop

DOP: VALE A DIRE “DENOMINAZIONE DI ORGINE PROTETTA”

Faccio una piccola premessa a beneficio di chi fa un confusione con l’acronimo DOP.

La DOP è:

<< un nome che identifica un prodotto originario di un luogo, regione o, in casi eccezionali, di un determinato Paese, la cui qualità o le cui caratteristiche sono dovute essenzialmente o esclusivamente ad un particolare ambiente geografico ed ai suoi intrinseci fattori naturali e umani e le cui fasi di produzione si svolgono nella zona geografica delimitata >>.

Le fasi di produzione vengono regolamentate da un apposito disciplinare a cui i produttori devo attenersi nella lavorazione. La DOP è regolata da normativa europea che <<intende proteggere le denominazioni di prodotti specifici per promuoverne le caratteristiche uniche legate all’origine geografica e alle competenze tradizionali>>.

FORMAGGIO PIAVE DOP

Il formaggio Piave DOP è un formaggio duro a pasta cotta ottenuto dalla lavorazione di latte vaccino.

formaggio piave

È caratterizzato da un sapore intenso ma non piccante, il cui aroma richiama erbe e fiori alpini.

Queste sue caratteristiche sono frutto della particolarità del latte utilizzato, ma di questo parleremo a breve.

Il formaggio Piave DOP viene prodotto in provincia di Belluno, nella parte più settentrionale del Veneto, a partire dalla fine del 1800. Il suo nome deriva dall’omonimo fiume, che attraversa il territorio Bellunese.

Così come stabilisce il disciplinare per la produzione del Piave DOP viene impiegato solo latte proveniente dalle stalle della provincia di Belluno. Latte che, sempre in base al disciplinare, viene prodotto almeno per l’80%, da razze bovine tipiche della zona di produzione:

  • Bruna italiana
  • Pezzata Rossa italiana
  • Frisona italiana
  • Grigio alpina
piave formaggio

PIAVE DOP LE DIVERSE STAGIONATURE

Il sapore del Piave DOP varia a seconda della stagionatura, partendo da una più intensa nota lattica in quello fresco e aumentando la sapidità (senza mai diventare piccante) con l’aumentare della stagionatura:

  • Piave Fresco D.O.P. (20/60 giorni)

Caratterizzato da un sapore dolce e delicato, con una bassa sapidità. Si presta ad essere degustato in abbinamento a sapori decisi sia con marmellate e confetture, sia con chutney di frutta. Perfetto anche con la frutta fresca, vi consiglio in particolare di assaggiarlo con uva o fichi. In virtù della breve stagionatura va utilizzato in ricette che prevedano formaggio filante, come per esempio le patate crispy.

  • Piave Mezzano D.O.P. (61/180 giorni)

Qui cominciamo ad avere un maggiore grado di sapidità, ma sempre su una base dolce. Anche in questo caso una degustazione con marmellate e confetture è l’ideale, mentre per la frutta fresca vi consiglio in particolare di mangiarlo con le pere.

Nelle ricette di sposa bene anche con il pesce, provatelo ad esempio nelle capesante gratinate.

  • Piave Vecchio D.O.P. (>180 giorni)

Raggiunta la stagionatura di 180 giorni il sapore è più deciso ed il formaggio comincia ad essere più aromatico. Perfetto in abbinamento a frutti di bosco o con una composta di cipolle.

Da provare nella ricetta delle sfoglie di pane al rosmarino e formaggio.

  • Piave Vecchio Selezione Oro D.O.P. (>12 mesi)

Decisamente il mio preferito, con una sapidità ed una dolcezza medio elevata buonissimo (a mio avviso) da degustare in purezza, è perfetto per piatti a base di verdure (con i carciofi ed i broccoli è eccezionale).

Incredibilmente buono anche con le patate e le uova, in particolare vi consiglio di provare la ricetta del tuorlo fritto con spinaci e fonduta di formaggio.

  • Piave Vecchio Riserva D.O.P. (oltre 18 mesi)

Sapido ancor più del precedente, potete giocare abbinandolo con l’ananas, la frutta secca e le carni rosse.

Per assaggiarli non vi resta che cercare il punto vendita più vicino a voi!

Il Consorzio per la Tutela Formaggio Piave DOP

Il formaggio Piave ha ottenuto il riconoscimento DOP nel 2010.

Nello stesso anno nasce il Consorzio con l’obbiettivo, appunto, di tutelare produttori dalla concorrenza sleale ma anche i consumatori dalle contraffazioni.

Il Consorzio svolge anche un ruolo chiave di promozione del marchio e diffusione di una corretta informazione.

Tra le varie attività promozionali del Consorzio vi segnalo la campagna triennale Nice To Eau-Eu fofiziata dall’Unione Europea volta sia a sensibilizzare il consumatore verso il riconoscimento dei prodotti a marchio di tutela DOP (di cui il formaggio Piave DOP si fa portavoce) sia a renderlo più consapevole in termini di sicurezza alimentare, autenticità e tracciabilità. Oltre ovviamente a promuove il consumo del buonissimo formaggio Piave DOP.

POST IN COLLABORAZIONE CON NICE TO EAT EU E FORMAGGIO PIAVE DOP

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.